Polonia Pellegrinaggi
Marco der Pole ul. Sarego 22/3, 31-047 Kraków, Polonia Tel.: +48- 12- 4302117, Fax: +48- 12- 4302131,
e-mail: office@marcoderpole.com.pl
Siete a: Casa » Częstochowa

Częstochowa

     Częstochowa è la capitale spirituale della Polonia.
     Jasna Góra (Monte Chiaro) è il più importante centro religioso in Polonia. Il Santuario di Częstochowa è uno dei più conosciuti santuari mariani in Europa ed è il più grande al mondo fra quelli dove il culto non è collegato ad un’apparizione della Madonna (come è, per esempio, nei casi di Lourdes o Fatima). La tradizione del pellegrinaggio all’Icona miracolosa della Madonna di Częstochowa risale alla fine del XIV secolo, da quando nel 1382 il principe Władysław Opolczyk portò lì dei monaci paolini (Ordo Sancti Pauli Primi Eremitae), perchè avessero cura della piccola chiesa dedicata alla Madonna sulla collina.
     Davanti a questa immagine hanno pregato tantissimi re polacchi, artisti e studiosi. Dal 1979, quando al Santuario di Jasna Góra venne papa Giovanni Paolo II, il numero dei pellegrini è notevolmente aumentato. Ogni anno ne vengono circa 4-5 milioni e si organizzano anche circa 300 pellegrinaggi a piedi, di
circa 190-200 mila persone, molte delle quali percorrono anche più di 600 km.

Esiste un bellissimo canto religioso conosciuto molto bene anche in Italia, ma non tutti sanno che si riferisce proprio alla Madonna Nera di Częstochowa.

     C’è una terra silenziosa dove ognuno vuol tornare, una terra e un dolce volto con due segni di violenza: sguardo intenso e premuroso, che ti chiede di affidare, la tua vita e il tuo mondo in mano a Lei.
 
RIT. Madonna, Madonna nera è dolce esser tuo figlio. Oh lascia Madonna nera ch’io viva vicino a Te.

     Lei ti calma e rasserena, Lei ti libera dal male, perché sempre ha un cuore grande per ciascuno dei suoi figli. Lei ti illumina il cammino, se le offri un po’ d’amore, se ogni giorno parlerai a Lei così.

RIT.

     Questo mondo in subbuglio cosa all’uomo potrà offrire? Solo il volto di una Madre pace vera può donare. Nel Tuo sguardo noi cerchiamo quel sorriso del Signore, che ridesta un po’ di bene in fondo al cuor.

RIT.

 




stampa